mercoledì 14 settembre 2011

Bar della Rabbia - Alessandro Mannarino

Quanno un giudice punta er dito contro un
povero fesso nella mano strigne artre tre dita
che indicano se stesso.
A me arzà un dito pe esse diverso
me fa più fatica che spostà tutto l'Universo.
So na montagna... se Maometto nun viene...
mejo... sto bene da solo, er proverbio era
sbajato. So l'odore de tappo der vino che
hanno rimannato 'ndietro so i calli sulle
ginocchia di chi ha pregato tanto e nun ha mai
avuto e ce vo' fegato... ahia...
So come er vento: vado 'ndo me va.
vado 'ndo me va... ma sto sempre qua.

E brindo a chi è come me ar bar della rabbia
e più bevo e più sete me vie
sti bicchieri so pieni de sabbia.

So er giro a voto dell'anello cascato ar dito
della sposa che poi l'ha raccorto e me l'ha
tirato e io j' ho detto: mejo... sto bene da
solo... Senza mogli e senza buoi
e se me libero pure dei paesi tuoi sto a
cavallo... e se me gira faccio fori pure er
cavallo.
Tanto vado a vino mica a cavallo.

So er buco nero der dente cascato ar soriso
de la fortuna e la cosa più sfortunata e
pericolosa che m'è capitata nella vita è la
vita, che una vorta che nasci, giri... conosci...
intrallazzi... ma dalla vita vivo nun ne esci...
uno solo ce l'ha fatta... ma era raccomannato...
Io invece nun c'ho nessuno che me spigne.
Mejo... n' se sa mai... visti i tempi!
Ma se rinasco me vojo reincarnà in me stesso
co' la promessa de famme fa più sesso
e prego lo spirito santo der vino d'annata
di mettermi a venne i fiori pe' la strada
che vojo regalà 'na rosa a tutte le donne che
nun me l'hanno data. Come a dì: tiè che na so
fa 'na serenata!

E brindo a chi è come me
ar bar della rabbia o della Arabia
e più bevo e più sete me vie
sti bicchieri so pieni de sabbia.

Ma mò che viene sera e c'è il tramonto
io nun me guardo 'ndietro... guardo er vento.
Quattro ragazzini hanno fatto n' astronave con
n'pò de spazzatura vicino ai secchioni, sotto
le mura dove dietro nun se vede e cè naria
scura scura.
Ma guarda te co quanta cura
se fanno la fantasia de st'avventura
Me mozzico le labbra me cullo
che me tremano le gambe de paura
poi me fermo e penso:
però che bella sta bella fregatura...

E brindo a chi è come me ar bar della rabbia
e più bevo e più sete me vie
'sti bicchieri so pieni de sabbia.

Nessun commento:

Posta un commento